Come scegliere le griglie in ghisa e le peculiarità

Le griglie in ghisa sono il pezzo fondamentale all’interno di un barbecue per poter cuocere la propria carne. Esse di fatto permettono di poter diffondere una perfetta ed omogenea inerzia termica che consente di poter avere il minor dissipamento di calore e quindi dell’abbassamento della temperatura nei momenti in cui si agisce sull’apertura del coperchio del barbecue. Nel commercio si possono trovare differenti tipologie di griglie realizzate in ghisa, modelli ed anche dimensioni, in base alla resa che si vuole ottenere ed anche in base al modello di barbecue di cui si dispone. La scelta di queste grigie non dev’esser fatta alla leggera in quanto esse possono compromettere la riuscita ottimale del proprio cibo.

Quali sono le caratteristiche salienti?

La particolarità delle griglie in ghisa è che esse sono costituite da due lati differenti che si possono regolare in due differenti posizioni. Vi è quella definita come “ lato a punta “ che viene utilizzata per la cottura ottimale delle carni magre quali il filetto oppure anche dei differenti tipi di pesce. Questo modello garantisce una cottura del tutto uniforme della carne e ne garantisce anche la perfetta distribuzione dell’aroma, garantendovi quindi dei risultati eccelsi sia nel gusto che anche nel suo aspetto. La posizione che viene invece definita “ a lato scanalato “, viene utilizzata maggiormente per la cottura di tutte le carni grasse ed anche per i pezzi di cibo dalle grandi dimensioni come per esempio un pollo oppure anche un arrosto. Questa superficie diviene una perfetta base d’appoggio che ne garantirà una cottura uniforme ed anche ottimale, inoltre la sua caratteristica saliente è la presenza di numerose scanalature che danno modo al grasso in eccesso di esser raccolto e quindi di defluire dalla carne, rendendo il cibo più salutare ma senza però privarlo dei suoi aromi naturali caratteristici.